In quali casi è utile sottoporsi ad Ecodoppler?

L’utilizzo della metodica ecografica denominata ecodoppler è uno dei sistemi che ha consentito un evidente salto di qualità in ambito diagnostico di problematiche legate all’apparato circolatorio. L’ ecodoppler, infatti, è utilizzato in ambito medico per poter controllare il funzionamento dei vasi sanguigni e di quelli arteriosi e l’efficienza del cuore. Questo particolare strumento è stato realizzato partendo dl concetto fisico valido per l’effetto Doppler.

La differenza dal classico utilizzo dell’ecografia risiede nella possibilità di poter analizzare, in maniera più approfondita, la funzione del flusso sanguigno, la situazione legata alla motilità di questo con attenzione specifica in una determinata zona, potendo così evidenziare problematiche legate alla emodinamicità del flusso sanguigno.

L’ ecodoppler viene sempre più spesso utilizzato per l’identificazione diagnostica di problematiche come le vene varicose, le trombosi e formazioni aterosclerotiche che possono andare a causare restringimenti delle strutture arteriose. Nello specifico sono spesso utilizzati esami di ecodoppler carotidei, cardiaco ed ecodoppler per le gambe.

  • Ecodoppler carotideo: lo sviluppo di problematiche a livello delle carotidi possono portare, attraverso la loro ostruzione, o il loro cattivo funzionamento, a patologie piuttosto importanti ed altamente mortali come l’ictus. L’importanza di un controllo diagnostico come l’ecodoppler, in questo caso, è decisiva per l’analisi della sezione interna della carotide. La possibilità, infatti, di poter controllare direttamente gli oggetti in movimento all’interno della carotide grazie alla particolare capacità dell’ecodoppler di sfruttare le onde sonore, consente in fase di diagnosi di poter rinvenire la presenza di formazioni di placca all’interno delle arterie. Questa placca può rappresentare un ostacolo al flusso normale del sangue e può aggravare la condizione di salute delle carotidi fino all’ictus;
  • Ecodoppler cardiaco: utilizzare l’ecodoppler per un controllo a livello cardiaco consente di poter avere una visione della struttura del cuore molto vicina alla condizione reale. Attraverso l’utilizzo di un trasduttore, posizionato direttamente sulla zona del cuore, è possibile poter avere anche una visione dei processi caratteristici che regolano il funzionamento del cuore. Questo tipo di processi riguardano la funzione delle diverse valvole cardiache e la capacità e l’efficienza del muscolo di pompare sangue. In molti casi, attraverso l’utilizzo di ecodoppler cardiaco è possibile tenere sotto controllo il funzionamento del cuore dopo un intervento anche piuttosto delicato;
  • Ecodoppler degli arti inferiori: l’utilizzo di ecodoppler per gli arti inferiori può risultare un’arma piuttosto utile per controllare, nello specifico, il funzionamento dell’apparato circolatorio nella zona delle gambe. Un distretto corporeo piuttosto importante che può subire danni piuttosto evidenti nel caso in cui vada incontro a problemi di carattere circolatorio. Questo tipo di controllo può risultare decisivo in pazienti che necessitano di interventi delicati a livello arterioso negli arti inferiori. Aiutando gli addetti ai lavori nella pianificazione prima dell’intervento chirurgico o di qualsiasi altro trattamento a livello arterioso nelle gambe.

Poter contare su un tipo di controllo di così elevata efficacia permette agli addetti ai lavori di sviluppare il miglior piano di intervento possibile, anche nei casi più urgenti. L’ ecodoppler rappresenta uno dei più importanti presidi per la salvaguardia della salute vascolare del paziente.

luca airò
Latest posts by luca airò (see all)